Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizienuoroPoliticaArtigianato › Imprese: Piano Marshall per salvare il Nuorese
A.B. 17 dicembre 2014
Il presidente della Confartigianato Nuoro Folchetti al Governatore Pigliaru: «Fiscalità di vantaggio, rifinanziamento della Legge per le imprese artigiane, viabilità e infrastrutture tecnologiche. Non vogliamo assistenzialismo, ma solo opportunità per far ripartire l’economia»
Imprese: Piano Marshall per salvare il Nuorese


NUORO - E’ un vero e proprio “Piano Marshall” quello che il presidente di Confartigianato Nuoro, Maria Carmela Folchetti, ha proposto mercoledì al governatore della Sardegna Francesco Pigliaru, durante l’incontro in svolgimento nel capoluogo barbaricino sulla crisi e sullo sviluppo del territorio. «Fiscalità di vantaggio, rifinanziamento della legge per le imprese artigiane, collegamenti viari e internet ad alta velocità – ha affermato Folchetti – per combattere la crisi, far ripartire economia e imprese, combattere gli ostacoli naturali, crescere culturalmente ed essere competitivi con il mondo intero. Il nuorese ha necessità di interventi straordinari – ha proseguito il neopresidente regionale di Confartigianato - come quelli per le zone terremotate, capaci di un forte impatto su imprese, paesi e cittadini».

Il presidente ha ricordato come il tessuto produttivo artigiano del Nuorese e dell’Ogliastra, circa 7mila imprese ed oltre 20mila dipendenti, nonostante la “rarefazione” dello Stato, delle Istituzioni, del tessuto imprenditoriale e della popolazione non si voglia arrendere e creda ancora nel valore dell’impresa, nella qualità del lavoro individuale, nella potenzialità del territorio e nell’investimento in tecnologia. Ha anche aggiunto come il territorio «non sia abituato a piangersi addosso e neanche al sostegno dello Stato e delle Istituzioni anche perché la loro presenza è stata impalpabile». Poi, la richiesta dell’istituzione della “zona a fiscalità di vantaggio”, come quella attuata a L’Aquila e nel Sulcis: questa consentirebbe alle piccole e microimprese, vecchie e nuove, di avere l'abbattimento delle imposte sui redditi, dell'Irap, delle altre tasse sugli immobili e sui contributi, nel limite massimo di 200mila euro cumulati in tre anni.

«Concedere una fiscalità di vantaggio per un territorio che attualmente si annovera tra i meno densamente popolosi della nazione – ha proseguito Folchetti - parliamo di centri abitati ormai ridotti al lumicino, poche migliaia di residenti in un area di centinaia di chilometri quadrati, non comporterebbe un aggravio di spesa insostenibile e sarebbe l’unico veicolo perseguibile per porre un argine all’emorragia demografica in quanto si verrebbero a creare, a breve termine, posti di lavoro non occasionali e non precari». Poi, la richiesta del rifinanziamento della Legge regionale 51 per l’artigianato, che per circa due decenni ha dato la possibilità alle imprese artigiane di progettare, fare investimenti e di crescere: «Questa misura ha avuto il merito di sostenere e aiutare la promozione, la qualificazione e lo sviluppo dell’impresa artigiana sarda, anche attraverso l’integrazione con la programmazione economica della Regione. Sappiamo che nella prossima manovra regionale dovrebbe esserci un capitolo specifico di rifinanziamento: le chiediamo certezze e soprattutto le chiediamo che questi fondi vengano messi subito a bando e a disposizione delle aziende».

Il presidente ha ribadito come il territorio non chieda favoritismi, ma solo pari opportunità con il resto dell’Isola. «Chiediamo infrastrutture viarie e tecnologiche per essere competitivi non con le zone limitrofe, ma con il mondo intero. Abbiamo necessità di strade e di linee web ad alta velocità per la movimentazione dei beni che produciamo e per la veicolazione della conoscenza, della cultura e dei prodotti dell’Ict. Abbiamo necessità di utilizzare i prossimi Fondi europei per interventi finalizzati a sostenere le attività produttive e a colmare i gap infrastrutturali che comprimono le potenzialità economiche dei territori montani». Confartigianato Imprese Nuoro ha quindi suggerito una strategia di sviluppo che lavori e investa su tutte le aree interne a rischio spopolamento, che possa porre le imprese al centro dello sviluppo e della creazione del lavoro, che le faccia migliorare; per questo sono necessarie le risorse pubbliche, ma è ancora più è fondamentale conoscere le vere esigenze di imprenditori e comunità. E’ necessario promuovere la perequazione territoriale (evitare, quindi, le discriminazioni territoriali ovvero una distribuzione più equa delle risorse); favorire l’autogoverno dei territori; investire in capitale umano; fare rete; far crescere la competitività del sistema. «Solo così potremmo sentirci più forti e meno abbandonati dallo Stato», ha concluso Maria Carmela Folchetti.

Nella foto: il presidente della Confartigianato Nuoro Maria Carmela Folchetti
Commenti
23/6/2016
Tutela del corallo, costituiti tutti gli organismi a cui spettano i compiti di gestione, coordinamento e verifica dell’uso del marchio
© 2000-2016 Mediatica sas