Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizieportotorresCulturaManifestazioni › Castelsardo: Pigliaru all´assemblea dei borghi più belli
Mariangela Pala 17 giugno 2017
A Castelsardo il presidente della Regione Francesco Pigliaru all’apertura della XVII assemblea nazionale dell’associazione “I borghi più belli d’Italia”.
Castelsardo: Pigliaru all´assemblea dei borghi più belli


CASTELSARDO - «Destagionalizzazione è la parola chiave: vuol dire saper catturare più flussi turistici per un territorio, e che siano turismi interessati a scoprire percorsi di bellezza non scontata. Ma per raggiungere l’obiettivo bisogna fare gioco di squadra proprio come fanno questi splendidi borghi, che sono un esempio per tutti: hanno accettato di mettersi in rete perché hanno capito la cosa fondamentale, che insieme si è più forti perché si è più visibili nel mondo». Lo ha detto a Castelsardo il presidente della Regione Francesco Pigliaru all’apertura della XVII assemblea nazionale dell’associazione “I borghi più belli d’Italia”.

Nel corso dei due talk show condotti dal giornalista Nicola Porro, dopo i saluti del sindaco di Castelsardo, Franco Cuccureddu, sono intervenuti, tra gli altri, il presidente dell'associazione Borghi più belli d'Italia Fiorello Primi, la sottosegretaria ai Beni culturali Dorina Bianchi, il critico e storico dell'arte Philippe Daverio, Fabio Pollice della Società geografica, Benno Albrecht, docente di composizione architettonica urbana dell'Università di Venezia.

«È il modello giusto», ha sottolineato Francesco Pigliaru. «Per crescere la Sardegna ha bisogno di presentarsi unita, con attrazioni paesaggistiche e culturali importanti, azioni di marketing mirate e un sistema di trasporti che funziona. Lavoriamo con forza in questa direzione, e siccome sappiamo bene che per un’isola è molto più difficile, lo facciamo insieme a Corsica e Baleari: il trasporto aereo, per noi che non abbiamo alternative è priorità e necessità. Abbiamo bisogno di regole speciali - ha concluso il presidente Pigliaru -, e la prossima settimana saremo al G7 Trasporti, per dirlo ai nostri governi e all’Europa.»

«Parlare di borghi oggi - ha aggiunto l’assessora del Turismo Barbara Argiolas durante il dibattito di apertura moderato dal giornalista Nicola Porro - significa parlare di decoro urbano, di valorizzazione, di lotta allo spopolamento, mettendo prima di tutto al centro le comunità che abitano quei luoghi. Infatti le comunità sono l’elemento più forte dei nostri piccoli Comuni e possono contribuire a creare una destinazione turistica regionale, in un’ottica di complementarità col balneare, che diventi poi vero attrattore di domanda».

L’obiettivo, come ribadito anche dal presidente Pigliaru, è quello di anticipare l’inizio della stagione e destagionalizzare, ha sottolineato la titolare del Turismo: «I dati ci dicono che abbiamo picchi a luglio e agosto, che l’autunno inizia ad andare ma abbiamo difficoltà ad aprire la stagione perché gran parte dei nostri alberghi sono sul mare. Per questo, abbiamo sposato e fatto nostro il progetto dei borghi, insieme ad altri temi come le destinazioni e ai cammini religiosi: sono progetti di turismo sostenibile e slow, che mettono al centro le esperienze e le persone».

Ha continuato Barbara Argiolas: «In una regione con un alto tasso di spopolamento, lo sforzo che stiamo facendo è creare condizioni perché cittadini rimangano nei loro paesi e nei loro borghi: non esiste un borgo se non esistono persone che vi abitano e sono capaci di raccontarlo. A me piace parlare - ha detto ancora - di autenticità dei piccoli Comuni in una grande identità sarda: diversità all’interno di una matrice che ci contraddistingue e ci dà unicità. Il viaggiatore cerca esperienze originali altrimenti non ci sarebbe differenza tra un borgo e l’altro, tra una Regione e l’altra. La sfida per noi, in sintonia con le comunità locali, è quella di lavorare sull’originalità che ciascuno dei nostri piccoli Comuni è in grado di esprimere. In questo modo sono sicura che riusciremo a fare passi avanti, diversificare la nostra offerta turistica e arrivare a essere aperti nove mesi all’anno».
30/7/2017
Si conclude questa sera il Festival di cultura popolare nel rione San Giovanni, a San Sperate. Giunto alla 14esima edizione con il tema Tempus, volge al termine con SafirNou e con il concorso letterario Anselmo Spiga
30/7/2017
Si chiude domani a Pula la 41esima edizione del festival folk “Is Pariglias–Ethnodanza in Tour”. Sul palco, i gruppi provenienti da Cina e Cile. Appuntamento a partire dalle ore 21, in Piazza del Popolo. Protagonisti, il gruppo cileno Cinut e quello cinese del dell’Università di Tecnologia di Hebei. Organizza l’associazione culturale Città di Assemini
© 2000-2017 Mediatica sas