Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizienuoroAmbienteSicurezza › Processo Quirra: Rete Sardigna prepara sit-in nel Tribunale
D.C. 24 ottobre 2014
La Rete Pesa Sardigna si unirà in un coro di protesta contro la presenza dei poligoni militari in Sardegna, presentandosi il 29 ottobre alle ore 9 davanti al Tribunale di Lanusei, in occasione del processo Quirra
Processo Quirra: Rete Sardigna prepara sit-in nel Tribunale


LANUSEI – In concomitanza con l’apertura del processo agli otto imputati, di cui sette generali dell’esercito italiano, accusati di “omissione dolosa aggravata di cautele contro infortuni e disastri”, la rete “Pesa Sardigna” invita associazioni, comitati, cittadini sardi e quanti fossero a favore della chiusura, della bonifica e della riconversione dei poligoni militari presenti in Sardegna, a partecipare al sit in programma alle ore 9 del 29 ottobre, davanti al Tribunale di Lanusei. «Sarà un giorno importante, perché questo processo segna un precedente storico per i diritti dei sardi e della Sardegna – ha commentato la rete Pesa Sardigna - infatti mai prima d’ora otto alti ufficiali di una base militare italiana erano finiti a giudizio».

Si tratta quindi di un caso isolato ed importante, che ha portato anche la Giunta regionale sarda ad annunciare la volontà di costituirsi parte civile al processo Quirra. Pesa Sardigna si aggiunge dunque alla protesta manifestando davanti al Tribunale e utilizzando lo strumento della denuncia-querela alla Procura della Repubblica, «un atto di responsabilità forte e cosciente che tutti noi possiamo fare – è stato detto - nel quale chiederemo che si proceda penalmente per tutti i reati che verranno ravvisati nei confronti di tutti coloro che saranno ritenuti responsabili delle attività militari che si attuano all'interno dei poligoni e idonee a porre in pericolo la salute della collettività e dell'esponente».

Per giustificare il mezzo, successivamente Pesa Sardigna ha affermato: «riteniamo doveroso offrire ai cittadini sardi un ulteriore mezzo per contrastare l’arroganza di uno stato italiano, ormai totalmente incapace di difendere l’interesse pubblico e completamente sordo ad ascoltare quelli che sono gli interessi della Nazione Sarda, perché i poligoni militari non sono in alcun modo compatibili con qualsiasi idea di sviluppo economico». Un esempio è rappresentato dal Pisq, da loro considerato il più famigerato tra i poligoni militari italiani, a causa delle sperimentazioni belliche effettuate, assai disastrose per l’uomo, specie quelle dei Milan francesi che, rilasciando torio radioattivo, hanno provocato conseguenze letali, quali patologie tumorali e malformazioni genetiche a cui è stata data la definizione di “Sindrome di Quirra”.
Commenti
8:16
Cambio della guardia al Comando Supporto Logistico della Marina. Al posto del contrammiraglio Edoardo Compiani è subentrato il parigrado Francesco Sollitto
13:31
Intensificata l’azione di contrasto alla contraffazione ed all’abusivismo commerciale nel Cagliaritano da parte delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale
11:06
Saranno 25 i rifugiati richiedenti asilo ad essere ospitati in appartamenti dislocati in città. L’emergenza migranti spinge l’amministrazione comunale ad adottare criteri di accoglienza consapevoli per evitare il sovraffollamento nelle strutture adibite al ricovero dei rifugiati
28/7/2016
Per garantire la tranquillità di cittadini, turisti e star più o meno conosciute, è stata istituita nel Nord Sardegna una Aliquota di primo intervento (Api) dei carabinieri. Si tratta di militari super specializzati e addestrati per affrontare situazioni di pericolo, da far entrare in azione in caso di attacchi terroristici
© 2000-2016 Mediatica sas