Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotiziealgheroPoliticaAgricoltura › Guerra latte, Cherchi (Upc): fare in fretta
S.O. 12 febbraio 2019
La guerra del latte, “procurad’e moderare Barones sa tirannia”. Gianni Cherchi: Prima che la situazione degeneri ulteriormente è però necessario fare in fretta, senza attendere le prossime elezioni Regionali, bisogna convincere gli industriali del formaggio pecorino ad addivenire a più miti consigli
Guerra latte, Cherchi (Upc): fare in fretta


ALGHERO - «Tanto tuonò che piovve…latte, è proprio vero, ci sono guerre che è giusto combattere, tanto più quando si protesta per una causa sacrosanta e vitale come la giusta remunerazione per un lavoro duro, ingrato ma fondamentale per tutta l’economia della Sardegna. Era nell’aria che qualcosa di clamoroso sarebbe avvenuto, non si può restare indifferenti davanti a persistenti ed incomprensibili comportamenti, posti in essere dagli industriali del settore lattiero-caseario, i quali hanno fatto “cartello” riducendo il prezzo del latte a livelli economicamente insopportabili per gli allevatori».

Così Gianni Cherchi, segretario cittadino dell'Upc e candidato alle prossime elezioni regionali del 24 febbraio in Sardegna. «L’evento eclatante, atteso da lungo tempo, si è verificato ed ha interessato tutta l’Isola, ettolitri di latte ovino sono stati riversati sulle strade, nelle piazze, davanti ai caseifici o regalati alla popolazione, piuttosto che conferirli per un prezzo assolutamente inadeguato che, in spregio dei contratti e delle Leggi, hanno costretto i pastori sardi a ribellarsi nei confronti dei nuovi “baroni” del formaggio».

«L’eutanasia di un mestiere nobile e millenario deve essere scongiurata, con tutti i mezzi che una politica del buon senso può e deve mettere in campo, a favore dei lavoratori, tanto più ora che la vertenza ha avuto una risonanza nazionale e l’appoggio incondizionato di tutti gli Organi di Stampa. Prima che la situazione degeneri ulteriormente è però necessario fare in fretta, senza attendere le prossime elezioni Regionali, bisogna convincere gli industriali del formaggio pecorino ad addivenire a più miti consigli, pagando il giusto prezzo per il latte, vicino alla soglia vitale di 1 euro per litro. Per quanto ci riguarda, siamo e saremo sempre a fianco dei pastori sardi in quella che reputiamo essere una sacrosanta lotta per la sopravvivenza di una intera categoria di lavoratori, emblema e paradigma della nostra Sardegna» conclude Gianni Cherchi.
Commenti
19/2/2019
La Giunta ha dato mandato alla Sfirs: movimentare 18milioni di euro con le banche per ridurre l´offerta di 30mila quintali di pecorino romano. Confermato l’impegno a portare il prezzo oltre l’euro
18/2/2019
«Serve inserire una clausola che garantisca di raggiungere l’obiettivo di un euro per il prezzo del latte pagato ai pastori da parte degli industriali che sono i diretti beneficiari delle consistenti misure di sostegno per 49milioni di euro messe in campo da Governo e Regione», dichiarano i vertici regionali dell´associazione
© 2000-2019 Mediatica sas