Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotiziealgheroPoliticaCoste › Posidonia: Paola Deiana chiama il Ministero
Red 5 dicembre 2018
La deputata algherese, con la senatrice Virginia La Mura, hanno incontrato il coordinatore responsabile della Gestione integrata del ciclo dei rifiuti Sergio Cristofanelli. A fine mese, le due rappresentanti del Movimento 5 stelle effettueranno un sopralluogo sulla spiaggia del Lido San Giovanni
Posidonia: Paola Deiana chiama il Ministero


ALGHERO - Sulla questione Posidonia, pianta marina indispensabile per l'ecosistema, su cui si sta discutendo in questi giorni ad Alghero, intervengono la deputata Paola Deiana e la senatrice Virginia La Mura. Ieri (martedì), infatti, le rappresentanti in Parlamento del Movimento 5 stelle hanno incontrato il coordinatore responsabile della Gestione integrata del ciclo dei rifiuti Sergio Cristofanelli al Ministero dell’Ambiente.

Nel corso della riunione, è emersa la volontà condivisa di lavorare su una normativa ad hoc sulla gestione della Posidonia oceanica spiaggiata, che interessi le diverse città balneari italiane. Inoltre, durante l’incontro si è parlato di eventuali proposte operative.

A fine mese, Deiana e La Mura saranno ad Alghero per un sopralluogo sulla spiaggia del Lido San Giovanni, luogo di stoccaggio della posidonia e centro di numerose polemiche. Nell’occasione, le due rappresentanti pentastellate incontreranno gli operatori del settore e le Istituzioni, nel corso di un convegno aperto a tutti, promuovendo così un confronto diretto tra le diverse realtà.

Nella foto: l'onorevole Paola Deiana
Commenti
11/12/2018
WWf, Italia Nostra, Gruppo d´Intervento Giuridico, Federparchi, Codacons e Lipu sottolineano l´importanza dell´ecosistema posidonia-sabbia per i litorali e chiedono alcuni interventi per preservare le spiagge di Alghero: dubbi sui siti di stoccaggio e i lavori di riposizionamento non eseguiti con puntualità negli anni (obbligo di Comune quanto dei privati). Subito la bonifica dei siti. Rimane l´incognita "marea gialla". Di seguito la nota integrale
© 2000-2018 Mediatica sas