Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotiziesardegnaPoliticaElezioni › «Giù le mani dalla legge elettorale»
A.S. 4 ottobre 2018
Così il candidato governatore del Movimento 5 Stelle in Sardegna, che a quattro mesi dal voto parla di rischio inciuci tra Centrodestra e Centrosinistra
«Giù le mani dalla legge elettorale»


CAGLIARI - «Con il pretesto della governabilità, a quattro mesi dal voto centrodestra e centrosinistra vogliono cambiare la legge elettorale ma solo per garantirsi a vicenda un posticino in Consiglio. Un vero e proprio inciucio, uno scandalo che il Movimento 5 Stelle contrasterà a tutti i livelli e con tutte le sue forze e contro il quale chiederemo la mobilitazione di tutti i sardi. Perché a quattro mesi dalle elezioni la legge elettorale non si cambia». Lo afferma Mario Puddu, candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione alle prossime elezioni di febbraio.

«Il Consiglio regionale ha avuto a disposizione tutta le legislatura per cambiare la legge e lo ha anche fatto pochi mesi fa, introducendo la doppia preferenza di genere. Solo che ora centrosinistra e centrodestra si rendono conto che, per effetto di una legge che noi cambieremo quando saremo al governo della Regione, uno tra i candidati alla presidenza espressi dal centrodestra e dal centrosinistra resterà fuori dal Consiglio. Perché credete che ci stiano mettendo così tanto a scegliere il loro candidato?» continua Puddu, «Perché sanno bene che non gli possono garantire la poltrona! Ecco che dunque adesso c’è la necessità di cambiare la legge per consentire anche al terzo candidato più votato alla presidenza di entrare il Consiglio».

Per Puddu «il pretesto è quello di affermare che con questa legge ci sarebbe il rischio ingovernabilità: la verità è che siamo davanti all’estremo tentativo della casta politica di perpetuare se stessa a danno di sardi. Noi ci opporremo con tutte le nostre forze ad una modifica in extremis della legge elettorale. Impediremo questo ennesimo inciucio tra centrodestra e centrosinistra. Ormai il tempo per cambiare le regole è scaduto: ci penserà il Movimento 5 Stelle, quando sarà al governo della Regione, a dare ai sardi una nuova legge elettorale. Ma ora si vada al voto con questa. Il tempo delle truffe ai danni dei sardi è terminato».
Commenti
20:05
La Sardegna vedrà l´uscita dal tunnel esclusivamente se riuscirà ad ottenere dallo Stato le risorse che le sono dovute e trasformerà il gap infrastrutturale dell´insularità in risorsa, così da garantire pari opportunità e pari diritti ai sardi
20/2/2019 video
Ultimo mercoledì prima delle Elezioni regionali e diversi candidati algheresi alla carica di consigliere ha scelto di passare la mattinata di sole tra le bancarelle del mercatino, per incontrare ancora una volta gli elettori in vista del voto
20/2/2019
Sarà il vicepremier a chiudere la campagna elettorale del Movimento 5 stelle per le Elezioni regionali in Sardegna. Appuntamento venerdì 22 febbraio, alle 19.30, nelle sale del THotel
9:06
In occasione delle Elezioni regionali, che si svolgeranno il 24 febbraio, la Commissione Pari opportunità del Comune di Alghero ringrazia tutte le donne della nostra città che, con coraggio e determinazione, si sono candidate
19/2/2019 video
Il tour elettorale del leader leghista è arrivato in Riviera del corallo. Al mercato civico, il ministro degli Interni ha parlato di Elezioni regionali, di trasporti, sanità, turismo, lavoro ed immigrazione. Fiducioso per quanto riguarda il caso Diciotti, si è detto non felice dell´arresto dei genitori di Matteo Renzi
19/2/2019 video
Matteo Salvini, rispondendo ad un giornalista che gli domandava il motivo dell´assenza di Christian Solinas (il candidato al Centrodestra in Sardegna), in un colpo solo fa fuori alleati di Governo e alleati elettorali. Le immagini
20/2/2019
Il Ministro dell´Interno in campagna elettorale visita la caserma dei Vigili del Fuoco ma il sindaco ribatte durissimo: «Il Comune, supplendo alle competenze dello Stato, ha fatto da tempo ciò che doveva sia per i Vigili del Fuoco, sia per la sede Inps, pagata coi soldi degli algheresi»
© 2000-2019 Mediatica sas