Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotiziealgheroPoliticaTurismo › Turismo: Papa, Di Gangi, Petretto preoccupati
S.O. 7 agosto 2018
I tre esponenti di "Azione Alghero" parlano di destinazione in declino. «Al di là dei freddi numeri, nel nord ovest della Sardegna si respira l’aria di un incombente declino economico che colpendo il turismo, da annoverare tra i settori strategici e trainante di altri comparti, fa intravedere scenari poco rassicuranti»
Turismo: Papa, Di Gangi, Petretto preoccupati


ALGHERO - In attesa dei dati ufficiali sulla stagione turistica 2018, il primo semestre 2018 segna negli aeroporti dell'isola una crescita dei passeggeri del 5,6% a Cagliari, del 12,7% ad Olbia e del 1,6% ad Alghero. Un «rialzo misero» secondo Maurizio Papa, Marco Di Gangi e Patricia Petretto, anche perchè «rispetto al 2015 lo scalo algherese ha un saldo negativo e deve ancora recuperare importanti volumi di traffico persi a seguito della massiccia emorragia di passeggeri conseguenti ai tagli dei voli Ryanair, nel frattempo trasferitisi a Cagliari». Ma al di là dei freddi numeri, secondo i tre esponenti di "Azione Alghero" nel nord ovest della Sardegna si respirerebbe «l’aria di un incombente declino economico che colpendo il turismo, da annoverare tra i settori strategici e trainante di altri comparti, fa intravedere scenari poco rassicuranti».

«La politica non è ancora riuscita a definire e mettere a regime un modello di “governo “ del turismo virtuoso, capace di rilanciare il nostro territorio e più in generale la destinazione Sardegna e renderla appetibile e competitiva per tutto l’anno. Dai trasporti agli altri servizi il lavoro da fare è tanto e senza la necessaria concretezza e la più ampia condivisione tra i vari attori coinvolti, pubblici e privati, l’obiettivo rimane relegato nella dimensione dell’utopia» dichiara Marco Di Gangi presidente di Azione Alghero. «La destagionalizzazione non significa vendere il prodotto balneare in inverno ma assemblare nuovi prodotti turistici (outdoor, gastronomia, natura archeologia, ecc., ecc.) - sostiene Maurizio Papa, sempre del direttivo di Azione Alghero. Si tratta di un lavoro mai svolto in Riviera del Corallo che non può più essere rinviato. La nostra destinazione ha necessità, oltre che di una credibile governance del comparto, di investimenti mirati alla costruzione delle alternative al turismo balneare».

«Per poter lavorare più di 4 mesi all'anno occorrono investimenti infrastrutturali, lungimiranza e la progettazione strategica del territorio, è un lavoro tecnico e non amministrativo. Significa che Alghero, oltre a consolidare i mercati nei quali è già presente, si deve impegnare a cercare nuovi mercati e sviluppare prodotti turistici in base alle nuove esigenze dei turisti. Senza questo lavoro il suo cammino diventa sempre più faticoso e sempre meno remunerativo, conclude Papa». Per raggiungere tale obbiettivo oltre ad una Amministrazione attenta e dinamica, anche gli imprenditori devono rendersi protagonisti e non subire gli eventi o le decisioni altrui, sottolinea Azione Alghero con Marco Di Gangi che conclude con un impegno: «in continuità con il lavoro sviluppato negli scorsi mesi attiveremo una serie di iniziative per confrontarci con gli attori principali del comparto e definire precise strategie».

Nella foto: Maurizio Papa, Marco Di Gangi e Patricia Petretto
Commenti
19/10/2018
Alghero si conferma la prima località turistica nel nord della Sardegna. I turisti italiani quotano il 25% del totale presenze, e restano comunque il primo riferimento. Il mercato scandinavo precede quello del Regno Unito, della Germania, della Francia e della Spagna
19/10/2018
Le iniziative di promozione nate dalla collaborazione tra la Regione autonoma della Sardegna ed Unioncamere fanno tappa a Tel Aviv. Da giugno, ripartirà il volo diretto con Cagliari
© 2000-2018 Mediatica sas