Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizieoristanoPoliticaElezioni › Energie per l´Italia: via alle liste in Sardegna
Red 13 novembre 2017
Durante la riunione del Coordinamento regionale a Tramatza, è stata presa la decisione di formare le liste isolane per le Elezioni politiche di marzo. Entro una settimana circa dovrebbero essere resi noti i primi nomi del probabili candidati a Camera e Senato
Energie per l´Italia: via alle liste in Sardegna


TRAMATZA - Si sono conclusi i lavori del Coordinamento regionale di Energie per l’Italia. «Oggi - afferma il coordinatore regionale del partito di Stefano Parisi in Sardegna Tore Piana - siamo l’unica vera nuova novità nell’area del liberal popolare alternativa al Pd e al M5Stelle in Sardegna e in Italia, il nucleo dirigente ha lavorato molto in questi mesi sui territori della Sardegna e oggi si inizia a raccogliere le prime soddisfazioni con l’adesione di numerosi sindaci e amministratori comunali, come l’assessore all’Urbanistica di San Sperate Fabrizio Madeddu, il consigliere di Carbonia Michele Stivaletta, il consigliere comunale di Arzachena Gigi Astore, il vicesindaco di Burgos Tonino Nieddu. Il partito ha deciso di darsi una forte impronta di rinnovamento reale, puntando su volti nuovi, valorizzando le presenze femminili e giovani provenienti dalla società produttiva e dalle professioni, nonché da eletti in Amministrazioni comunali in liste civiche».

E’ stato deciso, dando seguito alla decisione della Direzione nazionale, che il partito Energie per l’Italia caratterizzato dal simbolo di colore giallo, si presenterà alle prossime elezioni politiche di Camera e Senato con proprie liste, al riguarda è stata nominata una commissione che valuterà le proposte di candidatura, presieduta dal vicecoordinatore regionale Marco DI Gangi. Entro i prossimi dieci/quindici giorni, si potranno conoscere i primi nomi di candidati del partito. Inoltre, il Coordinamento ha deciso le fasi organizzative per la raccolta delle adesioni al partito, che per il 2017/2018 saranno gratuite, la affissione di manifesti i murali in tutti i capoluoghi di provincia, la mobilitazione per la richiesta di pre-adesione nella raccolta delle firme necessarie a sostegno delle liste elettorali. Deliberata inoltre la nomina a coordinatore provinciale di Cagliari del di Giuseppe Cappai, cancelliere della Corte d’Appello di Cagliari e più volte sindaco di Sant’Andrea Frius. Inoltre, è stato nominato il responsabile amministrativo regionale Salvatore Achenza, con esperienza in passato nell’ufficio ispettivo del Banco di Sardegna.

Durante i lavori del Coordinamento, sono stati discusse le problematiche cui la Sardegna sta attraversando in ambito dei trasporti navali ed aerei, «con il fallimento totale delle politiche sui trasporti attuate dalla Giunta regionale e dal presidente Pigliaru, che vede la Sardegna umiliata dal Governo nazionale e dalla incapacità di una maggioranza Pd ad amministrare l’Isola», prosegue Piana. E' stata discussa la situazione sulla crisi del comparto agricolo e dell’allevamento, dove la burocrazia ed i ritardi, voluti e causati dalla stessa politica, vanificano tutti gli sforzi e le risorse messe in campo nel settore, dove per Energie per l’Italia il solo snellimento della burocrazia risolverebbe l’80percento delle emergenze. Affrontata anchee la situazione della siccità attraversata dalla Sardegna, dove è stata compromessa un buon 20percento della flora spontanea ed oltre la metà dei pascoli, con una situazione a metà novembre di quasi tutti i bacini vuoti. Per EpI, è necessario un piano straordinario di forestazione in Sardegna che ricrei il microclima necessario ad attirare e stimolare le piogge. A conclusione dei lavori, Tore Piana ha dichiarato la propria soddisfazione per le decisioni assunte dal partito, rivolgendo un appello a Forza Italia, a FdI, a Noi con Salvini ed ai movimenti autonomistici alternativi alla sinistra, affinchè si costituisca un tavolo programmatico in previsione delle Elezioni regionali previste nel febbraio 2019.

Nella foto: il coordinatore regionale Tore Piana
Commenti
21/11/2017
50 i favorevoli, 2 i contrari. La Sardegna si unisce al gruppo delle sei regioni dove la doppia preferenza è istituzionalizzata: sono Emilia Romagna, Toscana, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio e Umbria
22/11/2017
L’introduzione della doppia preferenza di genere è una vittoria collettiva»: è questo il messaggio che l’associazione noiDonne 2005 vuole rilanciare oggi, dopo il voto favorevole in Consiglio regionale
21/11/2017
«Grande soddisfazione: passo aventi che migliora la qualità istituzionale», dichiara il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru. «Un risultato di civiltà, lavoro congiunto di politica e società civile», rilancia il presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau
© 2000-2017 Mediatica sas