Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizienuoroPoliticaSicurezza › Attentati amministratori sardi, al Senato iter per reato più grave
S.A. 30 marzo 2016
I senatori Pd, dalla nuova normativa può arrivare un forte deterrente. Al Senato parte l´iter che rende il reato più grave, dopo il nuovo espisodio ai danni del vicesindaco di Belvì
Attentati amministratori sardi, al Senato iter per reato più grave


BELVI' - I senatori del Pd Giuseppe Cucca, Silvio Lai e Ignazio Angioni esprimono la loro solidarietà agli amministratori locali di recente vittime di attentati e intimidazioni in Sardegna. L'ultimo caso a Pasqua contro l'auto del vicesindaco di Belvì [LEGGI]. «É davvero inaccettabile la condizione a cui vengono sottoposti gli amministratori locali e le loro famiglie – affermano i senatori Pd in una nota alla stampa dopo i recenti episodi avvenuti in Sardegna in particolare nel nuorese - intimidazioni e violenze ancora più gravi se si considera che avvengono nei confronti di cittadini che hanno l'unica colpa di essersi messi a disposizione delle proprie comunità locali per un dovere civico. I dati sono preoccupanti e inseriscono la nostra regione tra quelle con il numero più alto di attentati nei confronti di amministratori».

«Nell'esprimere la nostra solidarietà vogliamo però rendere noto un segnale di reazione da parte del Parlamento - afferma il senatore Silvio Lai, che da segretario regionale del Pd si era impegnato a favore della tutela degli amministratori locali. - È stata infatti avviata al Senato la discussione in commissione giustizia del DL 1932 contenente "Disposizioni in materia di contrasto al fenomeno delle intimidazioni ai danni degli amministratori locali" per il quale il presidente della commissione ha affidato il compito di relatore al collega sardo, il senatore Giuseppe Cucca».

Il disegno che ha come primo firmatario Doris Lo Moro, nasce dall'esperienza della commissione d'inchiesta guidata dalla senatrice calabrese e di cui facevano parte anche i sardi Ignazio Angioni (Pd) e Luciano Uras (Sel), «un'esperienza che ha messo in luce le peculiarità delle diverse regioni rispetto al fenomeno ma anche la necessità di intervenire per rendere più forte la pena di chi si macchia di queste azioni» ha evidenziato Ignazio Angioni.

«Il provvedimento introdurrebbe una serie di misure che rendono più gravi i reati commessi ai danni di amministratori locali. In particolare – afferma il relatore, il senatore Giuseppe Cucca – è prevista la modifica dell’articolo 338 del codice penale che rende applicabile il reato di violenza o minaccia ad un corpo politico, amministrativo o giudiziario quando questo è rivolto ad un sindaco, ad un assessore o a un consigliere. La modifica all’articolo 380 del codice di procedura penale - prosegue sempre Cucca - consentirebbe di procedere all’arresto in flagranza di reato. È prevista poi un’aggravante ad effetto speciale in caso di atti intimidatori di natura ritorsiva ai danni di amministratori locali. E infine la tutela riguarderebbe anche gli aspiranti amministratori, estendendo le sanzioni anche alle ipotesi in cui con minacce o con atti di violenza sia ostacolata la libera partecipazione dei candidati alle competizioni elettorali locali».
7:00
I consiglieri comunali dell’opposizione (Davide Tellini, Costantino Ligas, Massimo Cossu, Luciano Mura, Massimiliano Ledda, Alessandro Carta, Gianluca Tanda e Paola Conticelli) hanno chiesto al Presidente del Consiglio l’inserimento, come punto all’ ordine del giorno della prossima seduta consiliare, la richiesta di “convocazione di un tavolo di sicurezza per l’ordine pubblico”
27/9/2016
Le colonie penali agricole di Is Arenas (nel territorio del comune di Arbus), Mamone (nel nuorese) e Isili (nel Sarcidano) si caratterizzano per il fatto che nei relativi territori sono nate aziende in cui si pratica l´agricoltura e l´allevamento del bestiame
26/9/2016
L´arma è stata recuperata da un sub impegnato in un´immersione nelle acque davanti all´hotel Sighentu ed è stata affidata agli agenti del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza
26/9/2016
La Guardia di Finanza di Cagliari ha applicato le misure di prevenzione sui beni del capo di un’organizzazione di trafficanti di cocaina: sequestrato 2,3milioni di euro in beni vari al capo del sodalizio
© 2000-2016 Mediatica sas