Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizienuoroPoliticaCronaca › Attentato Littarru: Pigliaru a Desulo
A.B. 20 febbraio 2016
«Se legato alla lotta alla peste suina, sappiano che non ci fermeremo. Solidarietà al sindaco», ha dichiarato il presidente della Regione Autonoma della Sardegna
Attentato Littarru: Pigliaru a Desulo


DESULO - Il presidente della Regione Autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, gli assessori regionali degli Enti Locali Cristiano Erriu e della Sanità Luigi Arru, con il capo dell'Unità di progetto contro la peste suina Alessandro De Martini, questa mattina (sabato) si sono recati a Desulo per manifestare solidarietà al sindaco Gian Luigi Littarru, la cui abitazione nella notte è stata raggiunta da tre colpi di fucile, mentre il primo cittadino dormiva con la famiglia [LEGGI]. «Oggi siamo qui per dare la nostra solidarietà al sindaco. Non sappiamo cosa ci sia dietro questo ennesimo attentato ad un amministratore locale, ma se fosse legato alla battaglia contro la peste suina, non servirà a fermarci: la nostra è una lotta per la legalità e per lo sviluppo di questi territori», ha detto Pigliaru.

«Se c'è un collegamento, chi ha commesso quest'atto sappia che questa Giunta andrà avanti con determinazione, con decisione, perché eradicare la peste suina è fondamentale per dare una speranza alle zone interne, che devono vivere della propria capacità di produrre. Chi ha agito sappia che non ci sarà alcun passo indietro. Siamo pronti al dialogo con tutti tranne con chi usa la violenza per intimidirci. Se qualcuno pensa di riuscirci con azioni di questo tipo, sbaglia di grosso. Eradicare la peste suina - ha proseguito il presidente regionale - significa dare una speranza alle zone interne. Qui si potrebbe produrre del prosciutto di grandissima qualità che potrebbe essere esportato in tutto il mondo con prezzi altissimi come è successo in Spagna. Troppo a lungo questi territori sono stati ostaggio dell'illegalità, di qualche prepotente che ancora oggi vuol rimanere nel mondo che ha conosciuto e nel quale lui forse prospera, ma lo fa a danno di tutti gli altri».

Rispondendo alle domande dei giornalisti, Francesco Pigliaru ha poi sottolineato l'importanza di seguire le procedure correttamente per raggiungere l'obbiettivo. «In Sardegna si è chiacchierato per quarant'anni senza ottenere nessun risultato. La peste suina è stata sconfitta, altrove, con il metodo che stiamo utilizzando noi. Lavoriamo con quegli stessi consulenti internazionali e sappiamo quello che dobbiamo fare: procedere con l'abbattimento dei maiali che fanno parte di allevamenti illegali - ha sottolineato Pigliaru - Naturalmente il dialogo c'è ed è costante, perché vogliamo che tutti escano dall'illegalità e si mettano in regola. E quando gli allevatori passeranno sul lato della legalità avranno una grande accoglienza, perché potranno avere accesso ai fondi europei del piano di sviluppo rurale, che ci sono e sono tanti. Lo diciamo e continuiamo a dirlo: l'illegalità è la sconfitta di tutti, la legalità può essere la vittoria di tutti».

«La Regione – ha aggiunto De Martini, responsabile della Unità di progetto – intende fare uno sforzo ulteriore per rendere noto a tutti quanto sia importante uscire dall'illegalità. Il rispetto delle regole non è solo un fatto di civiltà ma anche un atto che produce risultati economici per chi lavora nelle campagne. Nei territori, a partire dalla prossima settimana, saranno operativi sportelli informativi per fornire agli allevatori indicazioni corrette sulle positive conseguenze legate all'emersione dall'illegalità».

Nella foto: un momento dell'incontro
17:06
«Ieri pomeriggio intorno alle 14.30, si è reso necessario l’invio d’urgenza di un detenuto di nazionalità italiana presso il vicino pronto soccorso per aver ingerito plexiglass tanto che una volta giunti in ospedale è stato necessario che lo stesso venisse sottoposto ad intervento chirurgico», denuncia il segretario generale aggiunto dell’Osapp Domenico Nicotra
23/6/2017
Mercoledì pomeriggio, gli agenti del Commissariato di Pubblica sicurezza di Tortolì sono intervenuti per un litigio tra due uomini fra due africani e due 21enni ogliastrini, residenti a Tortolì ed a Villagrande
22/6/2017
False borse Chanel in vendita in negozio: sequestrato un laboratorio di articoli contraffatti nel centro di Porto Rotondo. Complessivamente, le perquisizioni eseguite hanno permesso di porre sotto sequestro 196 articoli recanti marchi contraffatti
23/6/2017
Inchiesta clamorosamente ridimensionata. Revocate le misure cautelari nei confronti di Antonello Usai, Giansalvo Mulas e Giancarlo Chessa. Annullate quelle di Antonello Cuccureddu ed Efisio Balbina. Accolte tutte le richieste dei legali
© 2000-2017 Mediatica sas