Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizienuoroPoliticaUrbanistica › Paesaggi rurali storici: nuovi criteri in Sardegna
S.A. 9 febbraio 2016
Stazzi, medaus, furriadroxius, boddeus, bacili, cuiles. Per l’esattezza sono 1.065 gli insediamenti storici compresi nel Piano paesaggistico regionale e inseriti nel Repertorio
Paesaggi rurali storici: nuovi criteri in Sardegna


NUORO - Oltre mille beni in tutta l’Isola, appartenenti all’insediamento rurale storico sparso: stazzi, medaus, furriadroxius, boddeus, bacili, cuiles. Per l’esattezza sono 1.065 gli insediamenti storici compresi nel Piano paesaggistico regionale e inseriti nel Repertorio. Oggi la Giunta, su proposta dell’assessore dell’Urbanistica Cristiano Erriu, ha approvato i criteri per la loro corretta individuazione e perimetrazione: una metodologia operativa per la ricognizione dei beni, elaborata dai tecnici della Regione anche in collaborazione con gli esperti che operano nei territori campione.

I criteri approvati saranno ora disponibili nell’apposita sezione del portale Sardegna Territorio, con le risultanze dell’applicazione degli stessi. I tecnici sono partiti dal Repertorio del Mosaico aggiornato al 3 ottobre 2014, in cui sono presenti i 1.065 beni "puntuali" (cioè indicati come punti geografici sulla cartografia) definiti, nelle Norme tecniche di attuazione del Piano paesaggistico regionale, quali ‘elementi dell’insediamento rurale sparso’. Questi beni necessitavano di un’attività ricognitiva di aggiornamento, che finora ha portato alla proposta da parte di Comuni, Mibact e Regione della dichiarazione di insussistenza per 28 di essi.

Il Ppr prevede che i Comuni, in sede di adeguamento degli strumenti urbanistici al Piano paesaggistico, provvedano a fare il censimento e la perimetrazione del tessuto dei nuclei sparsi sui singoli territori, inclusi quelli già rappresentati nella cartografia del PPR e individuati nel Repertorio del Mosaico. L’applicazione dei criteri approvati oggi porterà anche all’identificazione delle relazioni tra il paesaggio e gli elementi della produzione agricola. Questi strumenti saranno a disposizione dei Comuni nelle attività di pianificazione, con notevole semplificazione delle complesse attività richieste per l’adeguamento dei PUC al PPR. Gli enti locali potranno segnalare eventuali discrepanze con la realtà dei luoghi: in alcuni casi, infatti, sarà necessario aggiornare l’identificazione spaziale per precisare dove ricade il vincolo e dare così maggiore certezze ai cittadini.
24/8/2016
«Un omaggio a un grande uomo che ha lasciato un’impronta indelebile», ha dichiarato questa mattina il sindaco Nicola Sanna
© 2000-2016 Mediatica sas