Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizienuoroPoliticaRegione › Riforma Enti Locali: iter su personale province
S.A. 4 febbraio 2016
L’assessore degli enti locali Cristiano Erriu ha presieduto nel pomeriggio di mercoledì il tavolo tecnico tra la Regione e le organizzazioni sindacali, per iniziare a tracciare un percorso condiviso sui processi di trasferimento del personale delle Province verso altre Amministrazioni
Riforma Enti Locali: iter su personale province


CAGLIARI - L’assessore degli enti locali Cristiano Erriu ha presieduto nel pomeriggio di mercoledì il tavolo tecnico tra la Regione e le organizzazioni sindacali, per iniziare a tracciare un percorso condiviso sui processi di trasferimento del personale delle Province verso altre Amministrazioni. In linea generale ha poi illustrato i capisaldi della riforma. L’assessore degli Affari generali, Personale e Riforma della Regione, Gianmario Demuro, è stato rappresentato dal consulente Giovanni Coinu a causa di altri impegni istituzionali. «Dobbiamo definire in tempi stretti – ha esordito Erriu – i criteri di trasferimento del personale che saranno poi recepiti con una specifica delibera di Giunta. Pertanto, è necessario precisare i rispettivi compiti e il sistema di cooperazione che ci attendono nelle prossime settimane, e governare questa fase in modo corretto e trasparente. Il frutto del lavoro istruttorio sarà poi presentato alla Conferenza permanente Regione-Enti locali».

«Ora è necessario un aggiornamento del protocollo d’intesa tra la Regione e le organizzazioni sindacali sul riordino di servizi e funzioni – ha sottolineato l’assessore Erriu –. Occorre un percorso lineare e condiviso, per garantire tutti i lavoratori nel rispetto della continuità amministrativa. Nei prossimi mesi, anche le Unioni di Comuni dovranno dotarsi di pianta organica. La legge di riforma, inoltre, prevede che passino dalle Province alla Regione le funzioni relative a turismo, protezione civile e politiche attive del lavoro».

I rappresentanti dei sindacati confederali regionali e delle Federazioni di Cgil, Cisl e Uil hanno espresso apprezzamento per l’attenzione che è stata rivolta loro con la sottoscrizione di accordi che poi trovano puntuale attuazione con forme di confronto improntate sul reciproco rispetto dei ruoli. Nello spirito di proficua collaborazione, hanno chiesto di poter verificare quanto prima dati più chiari su cui sviluppare i criteri dell’accordo che si andrà a sottoscrivere. L’Assessorato degli Enti locali renderà noto al più presto il prospetto delle macrofunzioni del personale delle Province, le quali resteranno in piedi sino al referendum nazionale fissato per ottobre 2016. Le parti si incontreranno nuovamente la prossima settimana per valutare lo stato di avanzamento dei lavori e condividere i contenuti del protocollo.
29/4/2017
Entro maggio è prevista la sottoscrizione del primo accordo di programma. Intanto, Nuoro, ha ospitato un incontro per la verifica dell´iter, con la presenza degli assessori regionali degli Affari generali Filippo Spanu e della Cultura Giuseppe Dessena
28/4/2017
«Le Regioni devono unire le forze per rivendicare i propri diritti con il governo», ha dichiarato il vicepresidente regionale Raffaele Paci, che ha partecipato alla due giorni di approfondimento organizzata dal Consiglio regionale in collaborazione con la Conferenza dei presidenti delle assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome
29/4/2017
Il 2 maggio, si riuniscono la Prima Commissione Autonomia (alle ore 15) e la Quarta Ambiente (alle 16.30). All’ordine del giorno, l’audizione degli Ordini degli ingegneri e degli architetti e del Collegio dei geometri
29/4/2017
«Difficoltà dovute a norme completamente nuove. Lavoriamo per superarle e garantiamo trasparenza dei conti pubblici», dichiara l´assessore regionale del Bilancio
29/4/2017
E’ inutile che mandi patetici comunicati con il suo “lo ho detto e lo ripeto”, l’assessore Paci e la Giunta Pigliaru sono stati bocciati prima dai numeri, poi dalla Corte Costituzionale e ora anche dalla Corte dei Conti
© 2000-2017 Mediatica sas