Nuoro News
Notizie    Video   
NOTIZIE
Nuoro News su YouTube Nuoro News su Facebook Nuoro News su Twitter Alguer.cat
Nuoro NewsnotizienuoroCronacaAnimali › Denunciati i pescatori che fecero esplodere gabbiano
S.A. 7 gennaio 2016
La Compagnia di carabinieri di Siniscola ha individutao i pescatori-killer che avevano attaccato al collo di un gabbiano un petardo, facendo poi esplodere il volatile in volo
Denunciati i pescatori che fecero esplodere gabbiano


NUORO - «A volte Facebook è un grande strumento», con queste parole il carabiniere Fabio Casula annuncia sui social network l'individuazione da parte dei suoi colleghi della Compagnia di Siniscola (Nuoro), dei pescatori-killer che avevano attaccato al collo di un gabbiano un petardo, facendo poi esplodere il volatile in volo [LEGGI]. Gli autori del vile gesto, ripreso in un video che ha fatto il giro della Rete, sono stati denunciati.

Ora rischiano fino a due anni di carcere. Il video che riprendeva i due mentre si divertivano a compiere quell'atto di crudeltà su un indifeso gabbiano, che si era posato sul loro peschereccio tra Siniscola e La Caletta, a San Teodoro, in Gallura, aveva ricevuto in poco tempo decine di migliaia di visualizzazioni, scatenando commenti di rabbia del popolo del Web.

In base all'articolo 544-ter del Codice penale «chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione a un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5 000 euro a 30 000 euro. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi. La pena è aumentata della metà se dai fatti cui al primo comma deriva la morte dell'animale».
14:12
«Una soluzione rapida per sostenere il settore», ha auspicato ieri l´assessore regionale dell´Agricoltura
22/4/2018
Riprende il progetto per la tutela dell’aragosta rossa (Palinurus elephas), nell’area protetta dell’Asinara. Il progetto si basa sul rilevamento di una serie di dati relativi alla pesca e alla biologia delle aragoste: peso, lunghezza totale, lunghezza carapace, sesso, metodologie di pesca
22/4/2018
Ad una settimana dalla liberazione, i quattordici grifoni familiarizzano con le falesie rocciose lungo la penisola di Capo Caccia. Intanto, i monitoraggi sugli otto grifoni radiocollarati testimoniano la loro presenza vicino al carnaio. I ricercatori confidano nel buono stato di salute dell’intero gruppo
© 2000-2018 Mediatica sas